- - - - F O T O G R A F I E - P A R O L E - I D E E - - - -

www.flickr.com

venerdì 13 aprile 2007

23%

ecco è quanto rimane da vivere al mio portatile. Poi lo metto in carica e risorge.

Oggi la suocera rompiballe mi ha stupito, si è messa a parlare un buon tedesco e a fare battute con dei ragazzi in negozio. Anche le suocere hanno un cuore.

Dalla notte dei tempi che su questo blog non si legge qualcosa di interessante, lo ammetto. Non ho più quell'estro espressivo che c'era agli inizi, forse perché non ho più la mia finestra innevata dentro lo studentato in Germania. E' passato un anno circa da quando sono tornato a vivere in Italia, la voglia di ripartire è tanta, nuove mete, nuove esperienze, la Colombia è così lontana in realtà, tutto sembra un vortice di caos. Un giorno vorrei partire subito, il giorno dopo vorrei rimanere, per paura di perdere quelle poche certezze che mi rimangono. Perderei 6 mesi italiani e tutto quello che non so. Domani c'è la mostra, ma non sono agitato. Calma perpetua.

Venezia, e i suoi mille problemi, che ansia. Perché vivo in una città così bella e incompleta? Perché invece di avere 18 milioni di turisti l'anno non si tramutano in 18 milioni di abitanti? Certo, non ci starebbero, neppure in venticinquesimo di loro.
Ma non tanto tempo fa Venezia aveva 120.000 abitanti, il doppio di quelli che ci sono ora. Invece ora con i suoi 60.000 scarsi, 15.000 over 65. Che prospettive si possono avere? Nessuna, ovviamente. Quando senti che Galan, quello che dice di essere il Governatore del veneto, ma che invece ha la faccia da culo, si vuole candidare sindaco, beh allora ti viene da sparare a vista agli elettori di destra. Si andate a fare in culo voi destroidi maledetti. Tipo quel leghista analfabeta che c'era sta sera a primo piano, che si è messo a dire merda ai cinesi.
La batteria è giunta al 15%.
Io sono al 10% prima di chiudere gli occhi.

Saluti le persone ma sono tutte di corsa, e tu invece cammini lento, le tue cose le hai già fatte ma ti senti inutile lo stesso. Oggi in negozio un isterico del giornale "IL Venezia" ( si ok è un concorrente ) pensava che fossi non so chi al suo servizio, e se tu cocco bello sei ignorante e non sai l'inglese e quindi non trovi come si contano le battute su openoffice, beh sono stracazzi tuoi: 1) impara l'inglese; 2) impara ad usare openoffice; 3) Ma comprarti un portatile no? 4) Che barboni quelli de "Il Venezia", d'altronde da un giornale gratuito, che ti aspetti? Ok che sono meglio degli altri tipo quella merdina del Leggo, però..

Ho deciso che devo fare un cd stra-stra-stra-figo ( se qualcuno volesse darmi una mano è il benvenuto) di presentazione dei miei lavori, qualcosa di ipercreativo e mandarlo ovviamente a Fabrica.

FABRICA - FABRICA - FABRICA - FABRICA - FABRICA.

Non mi prenderanno mai. Ma mai non esiste, e come dice 007, non muore mai, il domani.

Ho 23 anni. Prendono gente fino ai 25. Non c'è tempo da perdere.

5 commenti:

acaso ha detto...

Da ex-veneziano (ho vissuto a Venezia fino ai 16 anni), ogni volta che torno a Venezia (ok, faccio poca fatica, abito a 10 minuti d'autobus da piazzale roma) sento ribrezzo... ok la bellezza, ok l'originalità, ma se penso che vivevo in quella che è, a tutti gli effetti, simile ad un cesso di una stazione, ma a cielo aperto, lo spirito igienista che è in me prende il sopravvento... sorry, bella come museo, ma assolutamente inadatta a viverci. Senza contare che, proprio questa sua caratteristica di essere uno spazio espositivo la rende statica dal punto di vista dell'aspetto, secondo l'equazione vecchio=bello.
Per quanto riguarda il cd di presentazione... si può fare... però sono un po' fuori moda :-) Considera l'opzione di fare qualcosa di diverso, magari web-based, ma portabile su cd.
Bye

Petite Kiki ha detto...

..io continuo a leggerti. Mi piace quello che scrivi e le tue foto. Molto. In bocca al lupo per la mostra.
Ps. Come la capisco la tua voglia di andare / restare.. la sto vivendo anch'io.

Vieni nel mio "Mondo", se ti fa piacere.
Ti aggiungo ai miei links.

Kiki. ;)

Sly ha detto...

Credimi, ti capisco... sia qui...
"Un giorno vorrei partire subito, il giorno dopo vorrei rimanere, per paura di perdere quelle poche certezze che mi rimangono"...
che qui...
"Saluti le persone ma sono tutte di corsa, e tu invece cammini lento, le tue cose le hai già fatte ma ti senti inutile lo stesso"

Riguardo al cd, son scoppiato a ridere... proprio l'altro giorno un'addetta ai lavori mi ha svelato che ultimamente cercano molta concretezza.. mah!;)
Io intanto ho deciso di aprire un mio sito... che per me è una conquista!

Ps: Leggo non è così male... lo preferivo a -metro- di prima mattina quando i neuroni non funzionano tutti...

Ale ha detto...

secondo me, dovresti darti una calmata ^^ sembri un po' agitato :p

D. ha detto...

Condivido Ale...
forse dovresti farti un bella gita fuoriporta con gli amici, ho la vaga impresssione che l'umidità ti stia penetrando nel limbo neuronale...si sentono strani cigolii quando pensi...

D.