- - - - F O T O G R A F I E - P A R O L E - I D E E - - - -

www.flickr.com

domenica 30 settembre 2007

Dubbi Amletici che ti assalgono.

Dopo quasi 10 anni, inizio ad avere dei dubbi sulla cosa che è sempre stata con me tutte le domeniche della mia vita.

Sono appunto quasi 10 anni che vivo uno sport fantastico, diverso da tanti altri, che ti fa crescere caratterialmente sotto molti punti di vista. Si certo, ho raccolto una vagonata di merda dagli spalti, per fortuna nessun incidente e qualche soddisfazione.

Non capita a tutti di andare a fare un raduno a Coverciano, il centro d'elite del calcio italiano.
Non capita tutti i giorni di arbitrare una partita amichevole a 18 anni tra due società di serie A, in modo particolare se siamo in Italia.
Arbitrare anche in Germania è stata una cosa veramente emozionante, senza dubbio perché il contesto calcistico era totalmente diverso da quello che sono tutt'ora abituato a fare qua a Venezia.

Quando ho deciso che la mia carriera era finita, per mia scelta e non per quella di altri, ho pensato di continuare a trovare gli stimoli per continuare, poiché è sempre stato il mio sport, quello della mia crescita, in modo particolare sul carattere e su situazioni a volte spesso complicate da gestire, in piena autonomia, dove tutti si aspettano che tu faccia sempre il massimo, poiché ci sono delle persone che vedono immediatamente il tuo errore.

Ci sto riflettendo, non vorrei lasciare, mi farebbe parecchia tristezza.
L'aria però sta cambiando..

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Piccolo (di statura intendo!) giornalista free-lance...sei sempre così depresso...ti ci vorrebbe un alluvione...ti ci vorrebbe....

Andrew J.

acaso ha detto...

Concordo con Andrew... se proprio non avevi voglia di pensare a che fare, potevi darmi una mano a pulire magazzino e garage dopo che si sono tramutati in valli da pesca, la puzza da fogna ti avrebbe tramortito a sufficienza :-P